Voglio Vivere Così Magazine
Guida lavoro per l'estero
Area 54 Marketplace
Isola di Maiorca

Alla scoperta di Nizza

Nizza: alla scoperta del diamante della Costa Azzurra

Situata sulle rive del mar Mediterraneo, Nizza è il diamante della Costa Azzurra, incastonato in un territorio a metà tra il mare e la montagna, a simboleggiare un’area ricca di contrasti e di diversità. Un panorama mozzafiato e un entro terra da sogno, accompagneranno il visitatore nel suo viaggio sulla Costa Azzurra. Andiamo pertanto alla scoperta di questa gradevole località, cercando di riassumere sinteticamente cosa si possa vedere, in che modo arrivare e cosa sapere prima di partire per questa splendida destinazione! (more…)

Trasferirsi in Giamaica: vivere, lavorare, fare impresa e andare in pensione nei Caraibi

vivere in jamaica

Vivere in Jamaica, la terra della reggae music

Probabilmente, molti di voi sognano di trasferirsi a vivere in Jamaica, paese famoso per la sua cultura “rastafari”, il reggae, lo ska, il dub e le travolgenti canzoni di una delle voci più trascinanti e degli anni sessanta e settanta, Bob Marley. (more…)

L’Australia, una delle mete preferite dagli Italiani in Espatrio

Vivere in Australia

Trasferirsi in Australia, una delle mete preferite dagli expat italiani

Girando nella rete alla ricerca di spunti ed informazioni, qualche giorno fa abbiamo trovato una pagina di Emirates interessante con offerte di viaggio per l’Australia. La pagina è semplice ha offerte per voli ed offerte speciali per diverse città dell’Australia. Proprio per questo motivo, pur avendo in passato già trattato l’Australia, abbiamo pensato di scrivere ancora qualche informazione utile sull’argomento.

Oggi in Australia si conta quasi un milione di abitanti d’origine italiana. Si tratta quindi di una meta ben presente nei nostri piani di espatrio. Tra i vari aspetti, l’Australia, attira molto l’attenzione degli Italiani, sia per le diverse agevolazioni fiscali e di sostentamento per i meno abbienti, e sia per la qualità della vita in generale, sopratutto in relazione al suo costo spesso molto contenuto. Ad esempio, una cena al ristorante ha dei costi veramente ridotti, e comunque proprio irrisori se paragonati a quello che siamo abituati a spendere in Italia. Anche gli affitti e l’abbigliamento hanno dei costi molto contenuti, e comunque più sopportabili.

La politica dei permessi di soggiorno per motivi di lavoro che il governo dell’Australia ha messo in atto tende a privilegiare lavoratori qualificati, con esperienza e professionalità di qualità. Questo ha portato ad un elevata migrazione di Italiani con alte qualità e caratteristiche.

Come è ovvio che sia, se la qualità di un paese è elevata, e questo diventa una meta ambita per l’espatrio, il controllo dell’immigrazione deve riuscire a preservare questa qualità, ed in caso ad aumentarla. Avere una politica sui permessi di soggiorno di lavoro che privilegia i lavoratori specializzati ed esperti, con un sistema di punteggio numerico, su diversi fattori. Serve proprio a questo scopo.

Inoltre, tra tutte le mete nel mondo, l’Australia è sicuramente una delle più ambite. Vuoi per la distanza che aiuta e stimola la mente a immaginare una vita completamente nuova. Ma effettivamente anche per determinate condizioni di vita che sono effettivamente più a “misura d’uomo” di molti altri paesi. L’Australia è uno dei posti dove se si vuole davvero mollare tutto e trasferirsi all’estero, lo si può fare alla grande.

L’Australia un territorio variegato e particolare. Il suo essere completamente staccato dal resto del mondo da miglia e miglia di oceano, ha reso possibile lo sviluppo di specie di animali uniche. Come anche di un modo di vivere e di una cultura che seppur naturalmente influenzata dalla stessa cultura occidentale, che di fatto ne è una matrice, ha visto un’evoluzione particolare e completamente indipendente.

La cura per l’individuo e il rispetto reciproco come la civiltà hanno un alto grado di diffusione, ed anche il governo stesso cura e custodisce la qualità della vita in modo utile e soddisfacente per i più. Con questo non intendiamo certo dire che non ci sia nessuna difficoltà o problema, come in ogni luogo del mondo. Ma solo che l’Australia può essere un chiaro messaggio, di come, ad esempio, le città possono essere gestite e vissute in un modo diverso.

Cambiare vita in Francia: Parigi, capitale della moda

vivere a parigi

Vivere a Parigi, la “città delle mille luci”

Parigi, la “città delle mille luci”, capitale della moda, è una delle più grandi e popolate capitali europee. Divisa in 20 arrondissements, la città è abitata da 2,2 milioni di persone, mentre 12 sono invece i milioni di persone che vivono nell’area metropolitana immediatamente periferica.

Parigi deve il suo nome all’insediamento gallo-celta dei Parisii – o perlomeno così si riferivano i Romani a questa popolazione che nel 52 a.C. si insediò sulla riva sinistra della Senna, in quello che oggi è il “Quartiere Latino” (5° arrondissement). I Romani rimasero a parigi fino al 500 d.C. circa, quando la città passò ai Carolingi, guidati da quello che è considerato il primo vero re di Francia: Clovis des Francs. Ai Carolingi si deve l’inizio dell’ espansione della città sulla riva opposta della Senna.

Nel Medioevo, soprattutto dopo la fondazione dell’Università della Sorbonne, Parigi divenne una delle capitali del sapere, ma fu solo dalle ceneri della Rivoluzione Francese che nacque la città moderna, luminosa ed aperta che conosciamo oggi.

Parigi è una città frenetica, che sembra non dormire mai, in cui gli eventi mondani, sportivi e sociali si susseguono tutto l’anno: dal torneo 6 Nazioni di rugby, alla settimana della moda in primavera, al torneo di tennis del Roland Garros in maggio agli eventi all’aperto (soprattutto nei giardini e nei parchi) che si susseguono con l’arrivo della bella stagione e che culminano con i festeggiamenti della “presa della Bastiglia” del 14 Luglio (festa nazionale). L’estate termina in musica a Parigi, con il Rock en Seine (festival pop internazionale), ed il Jazz à la Villette, festival di Jazz contemporaneo che richiama artisti da tutto il mondo. Con la settimana della moda autunnale e lo spettacolo della Nuit Blache (la notte bianca) il primo sabato di ottobre, Parigi si trasforma ed il sole estivo lascia il posto al calore di luci, candele ed atmosfere che ben presto sfociano nelle luci e celebrazioni natalizie.

Tutto questo senza nemmeno citare i monumenti ed i musei che arricchiscono quasi ogni angolo della città: dal Louvre, alla Tour Eiffel, dal Musée d’Orsay a quello di Picasso, dal cimitero di Père-Lachaise, a Les Invalides, Sacré Coeur, Mont Martre o Notre Dame.

Affittare un appartamento a Parigi con All Paris Apartments, ed acquistare in qualunque edicola “Paris Pratique par Arrondissement” (una splendida guida con il meglio dei singoli quartieri a soli 4,50 €), saranno i migliori modi di visitare questa città dagli (almeno) 20 volti, che ogni anno accoglie più di 45 milioni di turisti.

Business in oriente: nuove opportunità in Cina

Lavorare in Cina: le nuove opportunità

Se avete un buon inglese, precedenti esperienze lavorative di un certo spessore e siete pronti a compiere una vera e propria rivoluzione nella vostra vita, la Cina potrebbe essere un buon posto dove trasferirsi. In questo momento di crisi per l’Italia e per l’Europa, cogliere l’occasione per arricchire il vostro curriculum di un’esperienza occupazionale diversa e imparare una lingua come il cinese, che, potrebbe aprirvi le porte di tante occasioni lavorative anche in altre parti del mondo. (more…)