Per il resto, esistono 5 tipi di permessi diversi, tra cui quello riservato ai pensionati: sono molti, ad esempio, i cittadini americani che trascorrono qui la loro pensione dorata e anche gli italiani si stanno facendo sotto. Per qualsiasi tipo d’informazione sarà bene rivolgersi, oltre che all’ambasciata e al consolato panamensi a Roma (Viale Regina Margherita 239), all’ambasciata italiana a Panama (www.ambpanama.esteri.it) e al Servizio Nazionale d’Immigrazione (www.migracion.gob.pa). Il passaporto valido per almeno sei mesi al momento della partenza è comunque imprescindibile. La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma visti i numerosi residenti anglofoni, soprattutto americani, anche l’inglese è una delle lingue “quasi” ufficiali. La valuta panamense è il balboa (PAB). 1 balboa = 0,74 euro circa.

Molti prezzi, soprattutto a Ciudad Panama, sono comunque espressi in dollari americani. L’apertura di un conto bancario è, ovviamente, piuttosto facile. Basta avere un passaporto a posto o la carta d’identità panamense (per i residenti permanenti). Alcune banche richiedono le referenze di altre banche, ma non tutte. L’ammontare minimo richiesto può variare dai 100 ai 300 dollari americani (da 75 a 225 euro) per i privati e da 500 a 1.000 dollari (da 375 a 750 euro) per le società. Tra le banche principali presenti a Panama: Banco Nacional de Panamà (www.banconal.com.pa), Caja de Ahorros (www.cajadeahorros.com.pa), Bac Panama (www.bac.net), Banco Alliado s.a. (www.bancoaliado.com), Banco General s.a. (www.bgeneral.com), Banco Panama s.a. (www.bancopanama.com.pa); Scotia Bank (www.scotiabank.com)

Il lavoro e il costo della vita

Secondo alcune testimonianze di italiani che hanno già fatto il salto, Panama non è un paese per pensare di stabilirvisi cercando un lavoro dipendente. Occorre invece un discreto gruzzolo di partenza per poter avviare un’attività in proprio. In questo secondo caso, allora, le porte sono spalancate e il sistema fiscale estremamente favorevole. I prezzi degli alloggi sono ovviamente più cari a Ciudad de Panama e nei luoghi turistici più battuti, come Bocas de Toro. Per l’acquisto di un appartamentino decente bisogna contare con almeno 50.000 euro. Per gli affitti si va dai 300 ai 450 euro al mese (un appartamento medio). Lo stipendio minimo per un lavoro non qualificato si aggira attorno ai 270/300 euro al mese (quando va bene). I tecnici specializzati (ingegneri, architetti, informatici) possono invece contare su cifre che vanno dai 750 ai 1.500 euro al mese, decisamente più interessante. Tra i siti che si possono spulciare per una ricerca di lavoro: www.encuentra24.com; www.computrabajo.com.pa; www.estascontratado.com; www.konzerta.com.

Naturalmente, con esiste soltanto la capitale. Città più piccole e vicine a spiagge da mille e una notte offrono una qualità di vita ottima a costi inferiori. Penonome (a pochi chilometri dalla prima città del paese), Las Tablas (provincia di Los Santos), Santiago, David (nella regione del Chiriqui) … sono tra queste. In queste zone gli affitti si abbassano sensibilmente (fino a 150 euro al mese per un appartamentino) e il costo della vita segue a ruota al ribasso.