Voglio Vivere Così Magazine
Guida lavoro per l'estero
Area 54 Marketplace
Isola di Maiorca

Svizzera

La Svizzera a caccia di fattorini: stipendio da 3700 euro

vivere e lavorare in svizzera

Cibo, quante opportunità. È ancora una volta il settore alimentare a offrire interessanti occasioni di lavoro. Bofrost, la nota catena tedesca che distribuisce surgelati tramite la consegna domicilio, è alla ricerca infatti di operatori da inserire nella sua sede in Svizzera. L’azienda nata nel 1966 in Germania, oggi conta uffici in dodici paesi dell’Unione Europea con oltre sei milioni di clienti. Proprio nell’ultimo periodo si sta espandendo nel Paese elvetico, dove impiegherà personale, principalmente nella figura di operatore/operatrice di vendita a domicilio per la consegna dei prodotti alla clientela. Da alcuni giorni, sul sito dell’agenzia di impiego italiana Adecco, è stato pubblicato un annuncio di lavoro per la ricerca di venti operatori di vendita per la famosa azienda tedesca.

Le figure ricercate, naturalmente, dovranno essere disponibili a trasferirsi in Svizzera e il loro impiego consisterà nello spostarsi con un mezzo messo a disposizione dall’azienda per recapitare a domicilio i prodotti aziendali e tentare di venderne dei nuovi. Le risorse dovranno anche occuparsi di fare i conti e inviare l’incasso giornaliero presso uno sportello bancario al termine della giornata lavorativa.

I candidati assunti saranno impiegati per un periodo iniziale di tre mesi presso una sede italiana della Bofrost dove verranno preparati e formati alla figura professionale richiesta, e successivamente potranno iniziare il loro nuovo lavoro in Svizzera. I turni di lavoro comprendono tutti i giorni feriali dal lunedì al venerdì, e lo stipendio mensile ammonta a 4000 Franchi Svizzeri, più o meno 3700 euro. L’azienda, inoltre, offre anche un alloggio completamente gratis per il primo mese di lavoro così da permettere a quanti si trasferiscono di cercare casa sul posto.

Come si legge sul sito, entrare in Bofrost, per le persone alla prima esperienza di lavoro e per le risorse in possesso di un bagaglio professionale, significa avere la certezza di acquisire una professionalità in un settore molto stimolante e in forte crescita, con la garanzia di occupare all’interno una posizione da leader.

Per candidarsi alla posizione di operatore di vendita presso la Bofrost è necessario aver conseguito la licenza media, cioè la scuola dell’obbligo, e avere la patente di tipo B. Per inviare la candidatura è possibile visitare il sito ufficiale dell’agenzia di lavoro Adecco a questo indirizzo: www.adecco.it/aziende-che-assumono/bofrost.

Trovare lavoro in una città del Nord europa

Trovare lavoro in una città del Nord Europa

Berna, Parigi, Berlino, sono solo tre delle principali capitali nordiche europee, dove è ancora possibile trovare un’occupazione lavorativa, nonostante la crisi economica mondiale. Ovviamente il consiglio da seguire in ogni trasferimento per trovare lavoro all’estero è sempre lo stesso: è assolutamente necessario possedere una buona conoscenza della lingua del Paese ospitante, per avere così maggiori possibilità di riuscita. (more…)

Lasciare l’Italia per andare a vivere in Svizzera

lavorare in svizzera

Vivere e lavorare in Svizzera: informazioni utili

Per un italiano, la porta per vivere e lavorare in Svizzera è, ovviamente, il Canton Ticino e non soltanto perché lì vi si parla italiano, ma perché geograficamente segna proprio l’accesso al paese per chi proviene dal Sud. Qui si trova la pianura, ma la montagna non è lontana, con i dolci ritmi che riprendono quelli del paese confinante … magari con un po’ più di ordine!

Un paesaggio calmo, algido, fatto di laghi, campagne ordinate, boschi di castagni lungo le rive dei fiumi accolgono il visitatore del Canton Ticino. I Grigioni sono già più terra di confine tra il Cantone italiano e quello tedesco (e per questo vige il bilinguismo). Boschi, pascoli e larici avvolti da colorazioni suggestive, che vanno dal rosso (della ferrovia retica), al grigio di pietre e fortezze, al bianco delle cime innevate e, da non dimenticare, al blu del cielo e dei laghi (più di 600). St. Moritz è la cima più famosa raggiungibile con la strada ferrata, ma tutti conoscono la profusione di cime mozzafiato di questa regione.

Il Vallese e la parte francese – lingue, culture, zone d’influenza geografica si succedono e si sfiorano, spesso mescolandosi – significa molto spesso acqua, l’acqua del Rodano, e cime altissime: è questa la cosiddetta terra dei “quattromila” e dei grandi ghiacciai. Il Rodano attraversa queste valli e sfocia poi nel bellissimo lago di Ginevra che bagna anche la seconda città più popolata della Svizzera, capitale del Cantone omonimo. Internazionale, multilingue e multi-culturale, Ginevra, città francofona, è soprannominata la “città della pace”, perché sede europea dell’ONU e della Croce Rossa. In tema culturale è imbattibile, il Grande Théâtre, l’opera ginevrina, ospita artisti di fama internazionale. Alcuni musei, come quello dell’Orologio, sono unici.

Il lago dei Quattro Cantoni, uno straordinario paesaggio lacustre, il monumento a Guglielmo Tell, belle città, valli e cime scoscese, siamo a Lucerna, nel cuore della Svizzera. Qui ebbe inizio la storia di questo paese. Siamo nella sfera d’influenza della lingua tedesca. Zurigo e la sua regione di paesaggi floridi e pittoreschi corrispondono all’idea di divertimento e vacanze, che si concretizza in boschi ben curati, laghi placidi, colline e belle valli ai piedi delle Alpi.